martedì 15 novembre 2022

Sei. una poesia d'amore per SantaMoglie

una poesia d'amore per SantaMoglie 

 

 



trocadilho intraduzível baseado no fato de que em italiano
àncora e ainda são escritos da mesma forma (ancor) 
mas são pronunciados com um sotaque diferente 
(àncora = âncora e ancòra = ainda)

43 commenti:

  1. Passare l'aspirapolvere è un gesto d'amore potente. Ma lavare i piatti di più. E pulire il bagno ancora di più. O àncora?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ssshhhhh
      Parla piano, sei pazzo? Che se ti sente SantaMoglia mi tocca pulire pure il bagno...
      parla pianooooo
      😀😀😀

      Elimina
  2. A linguagem permite dar vida ao que se quer dizer. Falar de amor é sempre maravilhoso. Que nunca lhe faltem palavras para o fazer, meu Amigo Alberto.
    Tudo de bom para si.
    Um beijo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Com a linguagem pode-se criar mundos bonitos, com amor ainda mais. Falamos e amamos, amigo poeta, o máximo que pudermos e o máximo que pudermos Um grande abraço

      Elimina
  3. Uomo di terraferma, con poca dimestichezza con gli strumenti di navigazione, offresi per passare aspirapolvere e altri lavori casalinghi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, amica mia, il dono della sintesi non è propriamente il mio forte, temo
      O no?
      😀😀😀

      Elimina
  4. Importante è l'accento che accentua il tuo accento all'unica cosa che indica quel Sei. Più è solido l'ormeggio più forte la presa di un unione.
    Una poesia bellissima che indica con ironia anche il senso di uguaglianza.
    Grande, come sempre magico Alberto. Ciao! 😘

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sempre grazissime, amica Pia.
      Poniamo l'accento dove dobbiamo né più né meno.

      E sull'uguaglianza siamo fermissimi: siamo uguali.
      Soprattutto lei, ma un po' anch'io, siamo ugualissimi

      Elimina
  5. Ancora tu!! :-) .... a passare l'aspirapolvere e non solo! :-)

    RispondiElimina
  6. Hai dedicato una poesia a tua moglie, che descrivendola santa, evidentemente ti ama alla follia. Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Senzadubbiamente ci vuole anche una dose di follia per amare, specie per amare un uomo, specie di un uomo come me.

      Elimina
  7. penso che con te, tua santamoglie non si annoi mai,,,

    RispondiElimina
  8. Santa moglie è fortunata ad avere un marito che si impegna nelle faccende di casa, per questo, come un'ancora, è ancora ancorata saldamente a lui, che si culla dolcemente con lei sulle acque del mare casalingo, senza mai andare lontano!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazissime, ma ti assicuro che son ben più fortunato io. Altrimenti non sarebbe Santa
      😉

      Elimina
  9. santamoglie sarebbe lo specchio?
    lo specchio dell'anima intendo dire.
    ciao

    RispondiElimina
  10. Alberto:
    Dimostrazione che un uomo può pulire una casa e non sentirsi per questo sminuito.
    Bella poesia, ti abbraccio.

    RispondiElimina
  11. Mettere su l'acqua e passare l'aspirapolvere è un gesto d'amore ma se poi lavi anche i piatti, carichi la lavatrice e stiri, wow hai fatto poker😊

    RispondiElimina
  12. Mettere su l'acqua e passare l'aspirapolvere è un gesto d'amore ma se poi lavi anche i piatti, carichi la lavatrice e stiri, wow hai fatto poker😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma questa è fantascienza!!! 😀
      No vabbè, allora: stirare stiro per lo più io, ma non è un gran vanto ché stiriamo pochino. La lavatrice non ce l'abbiamo ancora e i piatti li lavo abbastanza spesso, ho ol divieto di avvicinarmi alla lavatrice dopo un paio di lavatrici sbagliate, sai quando tiri fuori tutto rosellino o azzurrino o grigietto? Non per vantarmi, ma è stato merito mio
      😬
      Però SantaMoglie fa tutto tre volte il doppio più veloce, se no starei inguaiato forte

      Elimina
    2. È un pensiero d'amore bellissimo!🤗

      Elimina
  13. Risposte
    1. Àncora ancòra?
      Grazissime Ernest.
      Sai che nel tuo blog finisco sempre in spam?
      😟

      Elimina
  14. Comunque non so se come me SantaMoglie preferisce tenerti a un pò di distanza dalle faccende onde sbrigarle fluidamente e velocemente...
    absit injuria verbis

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi è proibito avvicinarmi alla lavatrice se non per svuotarla e appendere le cose, per il resto quando lei pulisce io mi recludo in cucina a lavare i piatti o in garage ad aggiustare biciclette.
      Un po' come quel film: la giusta distanza

      Elimina
  15. E' bello avere un porto sicuro dove ancorarsi.....
    Bellissima, mi è piaciuta molto,
    un abbraccio Alberto grazie per il saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un posto sicuro dove ancorarsi ancora
      Dopo le faticacce della vita quotidiana.
      Grazie Anima, grazissime

      Elimina
  16. Secondo me, dire al proprio amato "sei ancòra" è ancora meglio del chiamarlo la propria àncora -perché quella magari ti può far sentire sempre fermo in un posto. Gli ancòra, invece, mi sanno di sentimenti che, nonostante tutto si muova, rimangono ancoràti al proprio posto.
    Sei ancòra la cosa più bella che ho :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ancòra e ancòra e ancòra...
      Finché non si stuferà, mi conviene approffittarmene
      ancòra e ancòra e ancòra
      😀

      Elimina
  17. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  18. Forte questo breve post Alberto! Mi scuserai se devio un po' dal tema (ma neanche tanto), dicendoti che molto spesso ho fatto un esercizio simile con l'inglese, che diversamente da tante altre lingue ha tantissime parole che pur scrivendosi diversamente, e avendo spesso significati completamente diversi, si pronunciano allo stesso modo. Una delle prime che mi colpì fu la parola spiaggia, beach ovviamente, che ha la stessa pronuncia di bitch! 😄 Poi ci sono per esempio weight e wait, piece e peace, e tante altre! Ma è incredibile il verbo irregolare leggere, la cui declinazione è "to read- read- read", quindi uguale, ma al presente si pronuncia to riid, mentre al passato e al participio si pronuncia red! Ah questi inglesi! 😳😄

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nico, non conosco l'inglese a parte il bich e bich che hanno significato molto alquanto diverso. Questo lo sapevo, ma per il resto mi hai acculturato in pieno
      😀

      Elimina
  19. Maravilloso y original, me ha encantado. Enhorabuena Alberto, un fuerte abrazo desde el norte de España.

    RispondiElimina

Ma si, dai,coraggio: lascia pure un tuo commento, una tua idea, un tuo pensiero, sarà mica piu sciocco del mio, no?