sabato 25 giugno 2022

OIBO' (aggiornato con RAPPAMMIUSIC verscion)

 


RAPPAMMIUSIC verscion




OIBO'


rappammiusic schioccando le dita



concentrati

con centri

concentrici


e immagina

immagini

immobili


lentamente

allentare

la mente


ma tu non capisci

e così invece

pisci


poco nel fosso

e per lo più

addosso


...oibò!?!


Percorri

percorsi

già corsi


tracciando

solo tracce

tracciate


in cerca

d'incerte

ricerche


ma non trovi

così

ti ritrovi


a più non posso

nel fondo

del fosso


...oibò!?!


e intanto

che tenti

gl'intenti


t'aggrappi

a gruppi

d'inghippi


e ridi

se arrivi

a riva


ma t'inciampi

in ingenti

inciampi


affondando

nel fango

del fondo


...oibò!?!




OPA

rapammusic estalando os dedos 

 

concentrado

com centros

concêntrico 

 

e imagine

imagens

propriedades 

 

devagar 

afrouxar  

a mente


mas você não entende

e assim

em vez xixi


pouco na vala

e principalmente

sobre

... opa!?!


Corre

rotas j

á corre

rastreamento

apenas vestígios

vestígio


Procurando

de incerto

pesquisas


mas você não encontra

Assim

você se encontra

não posso

mais no fundo

da vala


... opa!?!


e enquanto isso

que você tente

as intenções


você se apega

em grupos

de senões


e rir

se você chegar

em terra


mas você tropeça

em enorme você

tropeça


afundando

na lama

do fundo


... opa!?!

39 commenti:

  1. In effetti accompagnato a schiocco di dita e ritmo labiale di gorgoglio salivare, il rap s'affossa concentrico nel fosso dove cerchiamo di non pisciarci addosso.. comincio a credere di capire dove ti vengano in mente talune metriche.. magari seduto mentre osservi l'oiblò lavatricioso.. ;)

    RispondiElimina
  2. Che poi non è musica, ma solo "sbatociamento"
    😀
    L'oblò della lavatrice è uno dei miei tramonti preferiti, come hai fatto a capirlo???

    RispondiElimina
  3. oibò, cosa mi tocca fare! :)
    che ho pure la mano destra quasi fuori uso.
    altro che inciampo! non c'è proprio scampo :)
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un grosso sacrificio, capisco. Ma tu considera che è per l'arte e l'arte richiede sacrifici
      😐😐😐

      Elimina
    2. soffrendo ma son d'accordo :)

      Elimina
  4. Ahahah... gustosa la performance e delizioso il chiacchiericcio qui, quasi in privato.
    Ottimissima domenica e bentornato Alberto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazissime Sari.
      È sempre bello ritrovarti e leggerti
      Buoba domenica (quasi finita ormai) anche a te

      Elimina
  5. Datemi un grammo di sana follia e vi solleverò il mondo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ne dovrei avere giusto qualche chilo qui da qualche parte ...ora cerco e...
      😀

      Elimina
  6. Risposte
    1. infatti, ma...
      ...hai schioccato le dita dicendolo?
      Se non schiocchi le dita godi solo la metà
      😉

      Elimina
  7. Num estalar de dedos, nós andamos, tropeçamos, caímos e se tivermos coragem levantamo-nos sempre. Tem música o que escreveu, meu Amigo.
    Uma boa semana com muita saúde.
    Um beijo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. o estalar de dedos talvez nos dê o ritmo que precisamos para continuar, meu amigo.
      obrigado, muito esfolado.
      Desejo-lhe uma boa semana cheia de alegria

      Elimina
  8. Perché hai intitolato la poesia Ohibò? Non è per niente da disprezzare. Serena settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oibò mi pare ci stia molto bene. in parte è lo stupore di chi goffamente cerca di elevarsi ed invece si sprofobda sempre di più nel fango
      E in parte suona bene come una pausa musicale tra un verso e l'altro. Oibò: stop e ripartenza

      Elimina
    2. Grazie Angela, serena settimana anche a te

      Elimina
  9. ... cerchiamo il positivo ... se pisci fuori dal fosso, sul fondo col fango del fosso puoi farci una bella maschera facciale ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bisognerebbe cercare un fosso di acqua termale, allora
      Che mi fa passare anche i reumatismi

      Elimina
  10. Bella maglietta e bella poesia... Oibò!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La maglietta è merito di santamoglie e del suo buongusto visto che me l'ha regalata lei.
      Ma la poesia... Oibò!
      😀

      Elimina
  11. Bellissima poesia rep. Certo che con lo schiocco di dita, è tutta un'altra musica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragionissima, amica, schioccolando le dita... Che ritmo
      😉

      Elimina
  12. Il modo con cui declami " tu non capisci..." mi fa venire in mente ( ma molto evocando ) Montale de " La casa dei doganieri".
    Non si dice forse che nei versi dei poeti si avvertono gli echi dei " Grandi" che li hanno preceduti ?
    Perché no?
    E' stato cmq un bel passaggio.

    RispondiElimina
  13. Veramente il verso di Montale cui facevo cenno era " Tu non ricordi..." ma va bene lo stesso..
    E anche il seguito era diverso....
    Oibò!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Montale è sempre stato uno dei più grandi, mica buboline.
      Anche se sicuramente era un tantino diverso dalle mie "poesie"
      😂

      Elimina
  14. Risposte
    1. Che può essere utile, sia per fare i fanghi sia in caso di bombardamenti 😬😬😬

      Elimina
  15. belin ! mi hai fatto sorridere,grazie :)

    RispondiElimina
  16. Una poesia cerchioconcentrica come un quadro di Delaunay .

    RispondiElimina
  17. Cavolicchio, Delaunay!
    Che associazione interessante.
    Sono andato a cercarlo che mica lo conoscevo, e potrei dire: grande!
    Grazissime Frida

    RispondiElimina
  18. Non è schioccando le dita che si fa la magia di uscire dal fosso... purtroppo ed ohibò! Simpatica ma non troppo visto il senso. 😉
    Sempre bravo Alberto, grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente, ora che mi ci fai pensare, risalire la china schioccando le dita non dev'essere mica facile. Di gran classe certo, ma mica facile
      😉

      Elimina
  19. Oibò saremo anche sofisticati, la poesia è come sempre bella ma rimane la curiosità di sentirla tutta rappata!! Oibò!! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...magari la registro e posto il video...
      A grande richiesta
      😀😀😀

      Elimina
  20. Oibò mi gira la testa! :-) Bella poesia scioglilingua, ogni parola secondo me al posto giusto...bravo Alberto! A proposito, anche Lolli nei concerti degli ultimi 20 anni spesso "leggeva" alcune sue canzoni :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Né Guccini né De André avevano osato tanto, eh? Certo che no, mica erano sciocchi
      😀
      Alcuni testi si prestano anche ad essere letti. In effetti hanno già una loro musicalità

      Elimina

Ma si, dai,coraggio: lascia pure un tuo commento, una tua idea, un tuo pensiero, sarà mica piu sciocco del mio, no?