domenica 14 febbraio 2021

L'utile utilezza dei libri

 Contribuisci anche tu a rendere utili i libri



30 commenti:

  1. Massì dai, facciamo come in Fahrenheit 451, bruciamoli tutti i libri , tanto sono pochissimi coloro che li leggono.
    Cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottimo. Allora associamo Fahrenheit 451 alle stufe ignis. Libro sponsor
      😉

      Elimina
    2. Risolutamente no. Giammai. Se no come facciamo a pareggiare i tavoli con le gambe alte diseguali?

      Elimina
    3. Grandissima idea, MassoneDiCartone, per vendere più libri potremmo fare un accordo segreto con la lobby occulta dei costruttori di tavoli. Loro faranno tavoli con le gambe di lunghezza diversa e poi noi ci presenteremo casa per casa con il libro dello spessore giusto! Geniale davvero!
      😀 😀😀

      Elimina
  2. Splendida idea per vendere più libri!
    Do il mio contributo all'iniziativa:
    - Il signore degli anelli .............. Cartier
    - Moby Dick............................. SlimFast
    - Il giro del mondo in 80 giorni........ Costa Crociere
    - La grande bellezza.................... L'Oreal
    - La montagna incantata................. Consorzio Monte Bianco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fantastico Giorgio! Fantastichi librisponsors.
      E con pubblicità così facciamo il botto, specie mobidic e la grande bellezza, ora si che sono al passo con i tempi.
      Grazissime di aver partecipato numeroso

      Elimina
  3. Os livros são um bem essencial. Vamos lê-los e divulgá-los, sim...
    Cuide-se bem meu Amigo.
    Uma boa semana.
    Um beijo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. devemos propô-los à unesco como patrimônio mundial, meu amigo.
      um beijo

      Elimina
  4. Ah, ah, ah, geniale, geniale. Formaggio Asiago con "Un anno sull'altipiano" ... così è la volta buona che lo leggo ;)
    Io suggerisco Il giovane Holden con del buon pane di segale bio della Ceres (pensiamo anche a chi mangia sano, e non prodotti conosciuti/industriali ... ma forse questi, leggono già... che ci sia un nesso tra il mangiare sano e il leggere libri?).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici che se uno comincia a volersi bene poi non smette più?
      pessimista!
      😀
      Per la ceres con segale bio io proporrei Walden ovvero Vita nei boschi di torò o turò

      Elimina
  5. Credo che davvero si possa vendere un bel po' di roba.. e anche fuori dalle convenzionali librerie.. è vero che i libri li trovi anche nei supermercati, ma in scaffali appositi.. invece dovresti poter trovare, chessò, Mattatoio cinque al reparto Carni, Il signore delle mosche tra una spigola e un polpo, e La metamorfosi vicino agli yogurt scaduti.. così, tanto per.. ma pure Arancia meccanica in ortofrutteria, Il deserto dei tartari tra un dentifricio ed uno shampoo (di quelli che si aprono facile)..e mentre ti uccidi in fila alla cassa, ti piazzano un bel Alla ricerca del tempo perduto.. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grandissimo Franco, se ci mettiamo pure la giusta lochescion chi ci ferma più!?!
      😂😂😂

      Elimina
    2. E quindi: al bar Pablo Tusset "il meglio che possa capitare ad una brioche", nei rifugi d'alta montagna "cime tempestose" e alla cassa, sa va sandir vendiamo Bertolt Brecht "opera da due soldi"

      Elimina
  6. Esilarante!
    Contribuisco alla già qualificata lista di librisponsors con Doppio sogno di Arthur Schnitzler per un sonnifero alla melatonina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah, non conosco, ma mi pare azzeccatissimo, un libro per la buona buonanotte. grazie amica, grazie di aver partecipato numerosa

      Elimina
    2. E' il romanzo da cui è tratto il film Eyes Wide Shut di Kubrick.

      Elimina
    3. Ecco, non ho visto il film, ma devo aver confuso l'autore con qualcuno di più pesante

      Elimina
  7. La tua, la trovo una fantastica idea, un modo per incrementare la vendita dei libri non solo dispensatore di vacue inutilità ma veri vademecum di utili e pratici consigli.
    Ciao fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazissime Fulvio, sono sicuro che riportare i libri al sommo livello di questi tempi correnti riporterà in auge anche una cosa inutile come la lettura e la cultura.
      Vabbè... la cultura... mi sa che mi sono lasciato prendere dall'entusiasmo
      😑

      Elimina
    2. Amo la cultura ma non va più di moda.
      Ciao Alberto.
      fulvio

      Elimina
    3. Assolutamente demodè, ma magari tra un po' diventa vintage...
      Si sa mai

      Elimina
  8. Tu sei un genio, ma te lo avrò già detto.
    Alice nel paese delle meraviglie - sugli scaffali di tutti i tour operator Alpitour;
    Cecità - un libro in regalo ad ogni acquisto di lenti nuove da Salmoiraghi Viganò;
    Il Rosso e il Nero - ai tornelli di San Siro quando il Milan gioca in casa;
    Ciao!


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esageratissimissima Mariella, ma grazissime. Sono solo un artigiano dei punti di vista insoliti. Tutto qui.
      E grazie per il tuo contributo, Alice nel paese lo venderemo benissimo se finisce questa cavolo di pandemia e anche il rosso e il nero. Quanto a cecità lo va già a ruba in questa italia di italiani. Un'assoluta necessità
      😀

      Elimina
  9. Mi piace troppo il tuo modo di "recitare", come i bravissimi animatori che girano a rallegrare la gente ovunque.
    Comunque io suggerisco:
    Uno, nessuno e centomila di Pirandello per i Teatri di tutto il mondo.
    L'interpretazione dei sogni di Freud per la camomilla più potente oppure per gli artisti nuovi, di oggi. 😉
    Poirot e la strage degli innocenti insieme alla Tempesta di Shakespeare pubblicizzata dal ministero di Grazia e Giustizia. Oh, farebbero un botto! 😆
    Ciao Alberto! Troppo divertente ciò! 😗

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah, bravissima Pia. Bravissima e grazissime.
      Nei teatri visto il periodaccio si recitera nessuno, nessuno e centomila nessuno, purtroppo, ma passerà e ci metteremo i centomila uni.
      Ottima idea per il ministero, vedrai che le accetteranno senz'altro
      😂

      Elimina
  10. Scusa Poirot della Christie.

    RispondiElimina
  11. Grande Bertow... Io sponsorizzerei "I Promessi Sposi" con tutte le marche di preservativi possibili e immaginabili... Meglio non mettere troppi figli al mondo con la crisi che c'è. Con buona pace di Renzo,Lucia e anche del Manzoni. Un salutone a te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un salutissimo anche a te grande Fabio.
      Promessi sposi anche per agenzie di matrimonio e di viaggi di nozze, mi pare che andrebbero alla grande!
      😀

      Elimina
  12. Già bello il video poi i commenti hanno dato un contributo veramente numeroso! :-) Mi sovviene subito "Anime baltiche" per una collana di manga nordici, "Gli invisibili" per la moda casual (con più elle!!), "Guida galattica per gli autostoppisti" sui mezzi Uber, "Giulia 1300 e altri miracol" savasandir per l'AlfaRomeo!! :-) "Il treno era in orario" di Henrich Boll per le FF.SS ma senza riferimenti a quando c'era lui! :-) "La scimmia sulla schiena" per una massaggeria alla moda. "Forfora e altre sventure ... vedi tu! :-) Se mi ci metto potrei anche andare avanti a svolazzare per ore come il gabbiano Jonathan! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh, lo so lo so. non sono molto bravo a coinvolgere il mio adorato publico con i miei post, che uso il blog più come un sito che come un blog, ma sta volta la chiamata alle armi ha funzionato molto, molto bene
      che i commenti sono strepitosi
      ;-)
      come i tuoi, e starei a guardarti svolazzare come il gabbiano (librosponsor di una balera della riviera?) per ore ed ore
      ;.p
      grazie, Marchissimo

      Elimina

Ma si, dai,coraggio: lascia pure un tuo commento, una tua idea, un tuo pensiero, sarà mica piu sciocco del mio, no?