martedì 28 luglio 2020

Quando esco di me stesso


Uscire dal proprio guscio, dal proprio orticello. Uscire dal proprio piccolo mondo per guardare, vedere, scoprire. Uscire da se stessi per capire cose che altrimenti non si capirebbero.
uscire, comunque uscire

11 commenti:

  1. Prendi l'ombrello che così non piove :D e vai!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. Per il noto postulato: o l'ombrello o la pioggia, non si possono mica avere entrambe le cose 😁

      Elimina
  2. Io esco pire da me stessa ahahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho una tecnica: se mi incontro per strada faccio finta di non conoscermi

      Elimina
  3. Il problema non è che esci da te stesso, il problema è che poi rientri in te stesso😁

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cavolini, Gus!?! A questo non ci avevo proprio pensato... sei stato illuminante! Mi sa che la prossima volta invece di rientrare in me stesso, rientrerò in un bar... mi sa che mi conviene.
      Grazissime per la saggezza 😂😂😂

      Elimina
  4. Quando esci di te stesso e ti fai " prossimo" ( inteso come aggettivo che come sostantivo ), perché tornare?
    C'è forse qualcosa di più bello di questo disinteressatissimo gesto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come per tutti i viaggi, bello partire e bello ritornare.
      E fuori di me stesso posso pure sgranchirmi gli ossetti 😁

      Ciao Frida e grazissime come sempre

      Elimina
  5. Quando saímos de nós mesmos é que podemos encontrar os outros. E tantas vezes nos encontramos também...
    Uma boa semana com muita saúde.
    Um beijo.

    RispondiElimina

Ma si, dai,coraggio: lascia pure un tuo commento, una tua idea, un tuo pensiero, sarà mica piu sciocco del mio, no?