lunedì 19 settembre 2022

sono

 


SONO

sono il terrore

di tutti i mulini a vento.

Sono l’avvocato

delle cause perse

e di quelle ritrovate.

Sono il grillo

per la testa,

sono la mosca al naso,

la pulce nell’orecchio,

il tarlo nel cervello,

il pidocchio nell’occhio

...ma un po’ di DDT, no???

Sono il dolce

del sale,

Sono il mare,

Sono il mare che

bagna le coste

e sono le coste

che asciugano il mare.

Sono il binario morto

e quello risorto,

sono il treno,

il treno

da perdere al volo,

sono il ritardo,

ma te lo dico dopo.

Sono l’occasione

persa

e quella ritrovata

e dove cavolo è???

che l’avevo messa qua…

Sono lo squarcio

sul mondo marcio,

sono lo squarcio

e il rammendo,

il rammendo di non so ché

che me lo rammendo più.

Sono l’uno

e sono l’altro,

Sono l’uno,

il tutto

e pure qualcos’altro.

Sono il tutto

e il niente

e, in parte,

la via di mezzo.

Sono l’eccezione

che sconcerta la regola.

Sono lì

e sono là,

sono il la,

...il la diesis,

...il si bemolle,

insomma:

sono la nota

poco nota

praticamente

sconosciuta.

Sono il principio

che si paga alla fine,

Sono il verbo,

ma no il congiuntivo,

l’imperfetto magari.

Sono i chili di troppo,

82 circa,

quasi 100 con i capelli lunghi.

Sono l’angolo ottuso

e l’angolo sveglio.

Sono lo spigolo

che attende il tuo piede,

sono il pesciolino portafortuna

e l’uccello,

l’uccello del malaugurio

gnamm”

un martin pescatore.

Sono lo scacco matto

e quello sano di mente

no vabbè, questo…

sono il ghigno,

sono lo schiaffo

lo sberleffo,

insomma:

e sta un po’ fermo, no?

Sono il vicolo cieco

e quello che ci vede benissimo

...bene

...benino, diciamo,

non troppo male.

insomma: è palese

è palese…

non so mica che cavolo sono…

...no!

Non so mica…

e

voi?

Voi sapete cosa siete?

...e cosa sono io?

boh, vabbé…

così insomma



EU SOU

eu sou o terror
de todos os moinhos de vento.
eu sou o advogado
de causas perdidas
e dos encontrados.
eu sou o grilo
para a cabeça,
Eu sou a mosca no nariz,
a pulga no ouvido,
o verme no cérebro,
o piolho no olho
(mas um pouco de DDT, certo ???).
eu sou o doce
algum sal,
eu sou o mar,
eu sou o mar que
molhar as costas
e são as costas
que seca o mar.
eu sou o tapume
e o ressuscitado,
eu sou o trem
o trem
perder na hora,
Eu sou o atraso,
mas depois eu conto.
Eles são a ocasião
perdido
e que encontrou novamenteE onde diabos está ???
que eu tinha colocado aqui...
eu sou o corte
no mundo podre,
eu sou o corte
e o remendo,
o conserto de não sei o que
que eu conserte mais.
eu sou o tal
e eu sou o outro,
Eu sou o tal,
o todo
e outra coisa também.
Eles são o todo
e nada
e, em parte,
o caminho do meio.
Eles são a exceção
que confunde a regra.
Eu estou lá
e eu estou lá,
eu sou lá,
... o Lá sustenido,
... o B bemol,
resumidamente:
eu sou a nota
pouco conhecido
praticamente
desconhecido.
Eles são o princípio
que você paga no final,
Eu sou o verbo,
mas não o subjuntivo,
talvez o imperfeito.
São os quilos extras,
Cerca de 82,
quase 100 com cabelo comprido.
Eles são o ângulo obtuso
e o canto acordado.
eu sou a borda
esperando seu pé,
eu sou o peixe da sorte
e o pássaro,
o pássaro de mau presságio
"Gnam"Um martim-pescador.
eu sou o xeque-mate
e o sensato
... não oh bem, isso ...
eu sou o sorriso,
eu sou o tapa
a zombaria,
resumidamente:
e fica parado por um tempo, certo?
eu sou o beco sem saída
e o que ele vê muito bem
...Nós vamos
... muito bom, digamos,
não é tão ruim.
resumindo: é óbvio
está claro…
Eu não sei o que diabos eu sou...
...não!
Não sei ...
E
vocês?
Você sabe o que você é?
... e o que eu sou?
... ah, bem...
então em resumo

48 commenti:

  1. ... sono il finito ... nell'infinito ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che anch'io ci sono finito proprio lì nell'infinito?
      Per quello ci siamo trovati.
      No?

      Elimina
  2. Ser tudo e não ser nada. Ser o atraso e a ocasião perdida. Ser o possível e o impossível. Ser o que agrada e desagrada aos outros. Fantástica esta sua litania de modos de ser. Gostei muito.
    Tudo de bom para si, meu Amigo Alberto.
    Um beijo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Somos um pouco como as ondas do mar: vamos e puxamos, somos tudo e nada, fazemos e desfazemos, meu amigo, como as ondas do mar. Obrigado poeta. tenha uma boa semana. um grande abraço

      Elimina
  3. Risposte
    1. Essere ed esserci, ognuno a modo proprio, ma essere ed esserci.
      Grazie Ernest

      Elimina
  4. Io sono Miki, che forse raccoglie anche un po' di quello che hai elencato tu, senza dubbio.
    Tutto è noi.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una sorta di sunto del bignami del mondo. So che sei uno giusto a parte la perversa perversione per gli anni 80, sei una giusto
      😉

      Elimina
  5. Sei fantastico! Grazie per questo piacere della poesia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahhhh, troppo buonissima amica Berica, troppo buonissima. Non può farmi che piacere se trovo qualcuno che apprezzi le mie piccole storie
      Grazissime

      Elimina
  6. Fantastica come sempre, e tornerò a leggerla e a riascoltarla. Mi ci ritrovo molto anch'io ma poi a 59 anni effettivamente non so ancora chi sono.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Torna come e quando vuoi che sei sempre il benvenuto. Ecco allora, se ancora non sai cosa sei, te lo dico io: tu sei il benvenuto

      Elimina
  7. Sono una vecchia donna che dice sempre quello che pensa e lotta in cui crede ed è per questo che per gli altri sono: POLEMICA.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. gli altri sono decisamente un po' limitati così non riescono a comprendere a pieno la grandezza
      ;-)

      Elimina
  8. in pratica sei l'apoteosi dgli ossimori
    troppo esilarante , profondo e godibile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non so se mi merito tanto, ma grazissime davvero,.
      diciamo che mi vedo un po' come l'ossìmoro di un ossimòro
      ;-D

      Elimina
  9. Su chi sei, chi siamo non si è capito bene perciò aspetto di sapere chi non sei, chi non siamo.
    Alberto,come sempre, un grande..😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello che non...
      Un altro campo sterminato... magari ci scriviamo un'altra "poesiuola"
      Ciao Est, grazie, come sempre, grazie

      Elimina
  10. Sono Bianca ma ci sono giorni in cui posso essere rossa, nera, azzurra, gialla, verde... sono una contraddizione ma anche un'incertezza nella certezza, sono quella che rompe le scatole ma poi le aggiusta, sono confusa, testarda, incasinata ma sempre in evoluzione😊

    RispondiElimina
  11. Siamo tante cose e poco sappiamo di quello che siamo.
    Complimenti, bella poesia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo inetichettabili, e questa, direi, è l'unica etichetta sensata.
      Direi.
      Grazissime Francesco, il termine "poesia" mi pare un tantino eccessivo, ma grazissime davvero

      Elimina
  12. Sei tutto e il contrario di tutto! Un'eterna contraddizione, un'essimoro in persona.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli anglofoni mi chiamerebbero un Andy, un AndyRivieni
      e il suo contrario, naturalmente.

      Elimina
  13. Ma che domanda?!? Sono , sono sono ho ancora sonno

    RispondiElimina
  14. Così, d'acchito, mi viene da citare come commento Enrico Ruggeri con la sua bellissima Preghiera del matto: "io sono il peso sulla coscienza e poco attenti alla vita, oppure idee confuse fra loro, sono la carta rovinata dentro la partita e canto fuori dal coro. E mangio pane e bevo vino che non han più quel santo sapore, e devo chiudere la porta sopra il mio vergognoso dolore."
    Ti abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La preghiera del matto mi si confà alquanto, direi
      Una delle poche preghiere, forse, assieme alla preghiera di smetterla. Anche quella mi si addice parecchio. Ma poi smetto solo per ricominciare
      😀
      Un abbraccione anche a te

      Elimina
  15. C'è molto Bergonzoni, e il tuo acume dialettico si adatta bene ai pensieri profondi dettati con garbo e leggerezza, ma sempre a stimolare provocando.. sono la pozzanghera che riflette e quella più istintiva.. siamo molto e siamo poco.. da oggi poi, dovremo essere di più, perlomeno più attenti ad ogni sbavatura di potere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho già detto di sicuro, ma a Bergonzoni devo parecchio; spero di non incontrarlo mai o rivorrà tutto indietro
      😬

      Elimina
  16. Interessante, merita una lettura e rilettura accurata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E tu vieni quando vuoi, leggi e rileggi, sei sempre la benvenutissima.
      Grazie

      Elimina
  17. Adesso sì che i treni cominceranno ad arrivare in orario 🙄😥 Un abbraccio Alberto!

    RispondiElimina
  18. Un giorno siamo una cosa, un altro siamo tutt'altro... siamo un continuo mutamento, sotto l'influsso degli eventi. Buona giornata Alberto, sempre bello leggerti mi dai sempre ottimi spunti per riflettere...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo movimento, dobbiamo essere movimento, movimento continuo.
      Grazie Stefy, è proprio un complimentone. Grazissime

      Elimina
  19. ma è eccezionale che se la mia mente non fosse così vecchia di apprendimento la studierei a memoria....io sono il moscerino fastidioso, che dopo che ti ronza attorno ti finisce nel occhio e tu splash lo schiacci con il fazzoletto...ciao Valeria grazie di essere passato nel mio blog così oggi conosco il tuo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda: le mie poesie non le imparo a memoria nemmeno io
      😀
      Era un po' che volevo passare per il tuo blog e finalmente l'ho fatto.
      Grazissime Valeris

      Elimina
    2. Ho visto. Grazie, ma ora il problema e che io non riesco più a uscire dal tuo, ci sono post bellissimi che devo leggere con piacere, quindi io giro qui dentro Ciao

      Elimina
    3. Questo non mi sembra mica un grande probelma. Vieni pure quando vuoi e gira dove vuoi, come si dice: mi casa es tu casa
      😉

      Elimina
  20. Alla tua domanda non so risponderti ma nelle tue parole mi rispecchio molto. Sono quel che sono e questo mi basta.
    Fantastico scritto, come sempre. Il video arricchisce il tutto. Bravo!
    Ciao Alberto, buona serata!

    RispondiElimina
  21. Ma essere come sei non è mica cosa da poco, che io sappia tu sei l'unica che riesce ad essere Pia.
    No?
    Grazissimissime davvero

    RispondiElimina
  22. Vedo che ti piace giocare Alberto! Attento eh?! Alcuni giochi non sai mai dove ti portano. Simpatici i tuoi versi, ma io non posso risponderti: non so nulla di chi sono io e figuriamoci qualcun altro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il pericolo è il mio mestiere. Vabbè, magari più il gioco... ma anche il pericolo... ma più il gioco...
      Capire chi siamo è una veta faticaccia e forse pure inutile. Siamo chi siamo, sono chi sono

      Elimina

Ma si, dai,coraggio: lascia pure un tuo commento, una tua idea, un tuo pensiero, sarà mica piu sciocco del mio, no?