martedì 28 gennaio 2020

Sids inde Uind


Sids inde Uinds, a volte




21 commenti:

  1. A volte, interpretare una poesia è una forma creativa di dislessia. :-)
    Sei bravo assai, geniale a volte.

    RispondiElimina
  2. Troppo gentile. Naturalmente mi riconsco più nel dilsessico che nel geniale a volte. Ma grazie davverissimo. E soprattutto ben venuto o ben venuta. Grassie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma, a volte, dislessico creativo e geniale sono la stessa cosa, come in questo caso.
      Quel "Ma a volte crescon fiori che col polline m'allergiscono" letto "Ma a volte nascon fiori che col pollice m'allergiscono" mi costringe ad entrare con i sentimenti nel disegno per vedere quei fiori che schiudono i loro petali come le dita di una mano e, invece di restituire una carezza, conficcano un bel pollice nell'occhio del poeta. Mica un mignolo, eh... meglio andarci sul pesante! :-D
      Ché poi sulla poesia e il fumetto sarebbero da dire mille altri pensieri...
      Fantastico.
      Grazie del benvenuta. :-)

      Elimina
  3. Eh si, il polline allergisce;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravissima, non posso che darti ragione: la prossima volta solo fiori di plastica!!! 😊😊😊

      Elimina
  4. eh ne so qualcosa di allergie :-) bellissima l’immagine dello spargere semi qua e là.
    A presto

    RispondiElimina
  5. @alfab3ta e @ernest, avete proprio colto il senso, mi pare. L'omino che con infinita poesia si muove nella sua vita per costruire un mondo migliore, ma più ne fa e più era meglio se stavi fermo!!! Come nelle sabbie mobili che più ti dimeni... e dalla puzza mi sa che non è nemmeno fango... Ma basta poesia e basta ottimismo che non vorrei esagerare 😂
    Comunque grazie davvero dei vostri interventi, grazissime

    RispondiElimina
  6. Eppure, con un po' di pessimismo e senza esagerare :-p il vento si placa sempre, basta anche a volte. Nel qualcheddove uniforme e triste da cui il poeta si eleva e di cui sembra portarsi dietro i brandelli* nascerà qualcosa di bello. Anche dal cemento nascon fiori, e son fiori bellissimi e tenaci. Evviva i semini! :-)

    *le finestre dei palazzi che si replicano negli strappi dell'abito. Troppo visionaria?

    RispondiElimina
  7. Non potrà fare a meno di nascere qualcosa di bello.
    Sei troppo poetica, poetica e visionaria, davverissimo, sei così poetica e visionaria che sono più d'accordo con te che con me. Complimentissimi!

    RispondiElimina
  8. La poesia nasce da ispirazioni inaspettate e poi ciascuno, con la propria arte, la segue, si lascia attraversare, e la crea. Ungaretti scrisse dell'allegria di naufragi. Ti scrivi dell'allergia, che poi l'allergia non è nient'altro che una reazione eccessiva ad un elemento che normalmente lascerebbe indifferenti. Allora sai che ti dico la poesia è una allergia di per se stessa sempre, è andare oltre le parole, oltre le immagini, oltre l'apparenza.
    Non lo voglio l'antistaminico. No, proprio no. Voglio starnutire versi e piangere metafore, farmi pizzicare il naso dai poeti. E poi disegni benissimo, mannaggia che invidia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Non lo voglio l'antistaminico" è un bellissimo grido di guerra. Te l'invidio parecchio. Complimenti 😁

      Elimina
  9. Delizioso quadretto.
    Contro il vento della vita che a volte fa di tutto per spingerci indietro,
    bisogna presentarsi " armati".
    Proprio come nel disegno...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una motosega può fare molto comodo contro le avversità della vita.
      Resilienza si, ma pure una buona dose di resistenza.
      Motosega ideale, naturalmente. 😁

      Elimina
  10. Às vezes é o vento que nos inspira, que nos desperta, que nos troca as voltas…
    Gostei de o ouvir dizer o poema.
    Uma boa semana.
    Um beijo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. muito obrigado por sua visita e por sua contribuição e seus poemas. Um beijo, meu amiga

      Elimina
  11. Ciao,una poesia ironica e intelligente che narra un fastidio e una speranza.piacevole la recitazione
    Ciao fulbio

    RispondiElimina
  12. ciao Fulvio, grazissime.

    mi fa dvvero piacerone ti sia piaciuta
    davverissimo

    RispondiElimina
  13. Insomma, questa motosega è un simbolo fallico.
    Cosa hai capito? Mica perché mette in moto le mie pippe (e neanche le poppe) mentali sul disegno? Nooo quando mai! :-D
    Perché è il rimedio che l’omino in questione ritiene necessario per difendersi dal proprio fallo, cioè dall’autolesionismo.
    Saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Studiata e profonda davvero! Così facendo finirai per farmi passare per persona intelligente rovinando la mia reputazione!!!
      😁

      Elimina
  14. A me piace seminare, purtroppo è sempre più difficile trovare semi freschi nei negozi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per l'aiuola che spaccio per orto, invece, io trapianto piantine. Che poi si devono un po' arrangiare da sole che la natura è matrigna e non è mica colpa mia, non è mica 😁

      Elimina

Ma si, dai,coraggio: lascia pure un tuo commento, una tua idea, un tuo pensiero, sarà mica piu sciocco del mio, no?